Eurochocolate Domenica 28 Ottobre 2018

Il prodotto non è attualmente in magazzino e non disponibile.

COD: N/A Categorie: ,

Descrizione

Eurochocolate

Domenica 28 Ottobre 2018

Partenza da SALERNOI ore 5,00 – da NAPOLI ore 5,45 – da CASERTA NORD ore 06,00 – Salite a richiesta lungo il percorso – Arrivo a Perugia – Proseguimento nei pressi dello Stadio di Perugia e trasferimento in centro con il Mini Metrò – Giornata a disposizione per partecipare alle manifestazioni dell’EUROCHOCOLATE – Possibilità di visitare la bella città, trasformata per l’occasione in una grande pasticceria all’aperto – Pranzo libero – Partenza da PERUGIA nel tardo pomeriggio – Rientro in serata

QUOTA DI PARTECIPAZIONE € 35,00

COMPRENDE: Viaggio in pullman – Assistente di viaggio – Assicurazione sanitaria SONO ESCLUSI: Ingressi – mance – pasti – extra e quanto non indicato nel programma. Trasferimenti di andata e ritorno con mini metrò (5,00 €)

NB: L’itinerario del VIAGGIO organizzato può subire variazioni dovute a ragioni tecniche operative pur mantenendo le visite previste nel tour. I servizi e alberghi previsti nel tour per ragioni tecniche operative possono essere sostituiti con altri di caratteristiche analoghe.
per info
081947468
www.gitemania.com

Perugia

Il centro storico di Perugia si adagia su un’acropoli che sorge all’altezza di circa 450 m s.l.m. Nel punto più alto, Porta Sole, l’altezza è di 494 m, caratteristica che ne fa la città italiana più popolata fra quelle poste a un’altitudine superiore a 250 metri. Il centro storico si sviluppa intorno a questo punto e sul crinale dei colli che da esso dipartono, formando un’acropoli e cinque borghi medievali prolungati su cinque porte. All’originaria cinta delle mura etrusche, lunga 3 km, si aggiunse nel Duecento e nel Trecento una nuova e definitiva murazione lunga 9 km, quasi del tutto integra e che delimita una superficie di 120 ettari. La città storica è quindi prevalentemente allungata sui crinali, con un asse maggiore di 3 km tra Monte Ripido (a nord) e San Costanzo (a sud) e un asse minore di 1,5 tra S. Francesco e Monteluce.

Il Tevere

I quartieri storici sono: Porta Sole, Porta Sant’Angelo, Porta S. Susanna, Porta Eburnea e Porta S. Pietro, a cui corrisposero per secoli i rispettivi spicchi del territorio rurale, soggetto alla città fin dalle origini del governo comunale. Ogni quartiere si incardina su una via principale o Corso su cui convergono le trame dei vicoli; vi campeggiano conventi, campanili, basiliche, chiese, oratori, cappelle, palazzi gentilizi (un centinaio), palazzi minori e le case a schiera dei vicoli. Il territorio oltre il centro storico scende tutto intorno fino ai 280 m s.l.m. del Pian di Massiano.

Il territorio del comune arriva a 170 m s.l.m., toccati lungo il corso del fiume Tevere, che a sud ne segna i confini con il comune di Torgiano. Perugia è situata nell’entroterra dell’Italia centrale nel punto più largo della Penisola. È la città più grande tra Firenze e Roma, collocata in posizione intermedia: distante ca 150 km da Firenze, Roma e Ancona, ca 400 km da Milano, Genova e Napoli.

Vista da viale Indipendenza

Il territorio comunale ha un’area, tra le maggiori in Italia, di 449,92 km², la densità di popolazione è di 368,7 ab./km². Si estende sul territorio del suo storico contado, trapuntato di frazioni, castelli, ville, case rurali. Si articola in colline, monti e pianure, conta 85 tra quartieri e frazioni, oltre cento edifici scolastici, 54 cimiteri, circa 3.000 km di strade. L’area urbana contemporanea, che dal centro storico e le prime periferie oggi tocca e ingloba i centri abitati viciniori sviluppatisi dal secondo dopoguerra, si conforma in un tessuto urbano sfrangiato e discontinuo, inframmezzato di coltivi e residui di campagna, lungo circa 20 km da Villa Pitignano a San Martino in Campo, da Taverne di Corciano a Ferriera di Torgiano e Ospedalicchio, ovvero sommando di fatto i comuni contermini di Corciano (21.000 ab.), Torgiano (6.000 ab.) e Bastia Umbra (22.000 ab.).

L’acropoli perugina

sembra costruita su una sola collina ma in realtà sono due: il colle del Sole e il colle Landone. La massima depressione tra le due alture si estende dal fosso di Santa Margherita, a est, al fosso della Cupa, a ovest. Gli Etruschi scelsero quest’area in quanto ricca d’acqua, ma presto ci si accorse che il terreno è anche franoso, cosa che nei secoli ha dato luogo a poderose fondazioni e fortificazioni che tuttora impongono in più punti costanti interventi di manutenzione.

Il territorio fa parte della Valle del Nestore, ed il comune idricamente è bagnato dal Caina, dal Genna, dal Nestore e dal principale Tevere, che a Marsciano raccoglie le acque del Nestore, in cui confluiscono Genna e Caina.

 

Informazioni aggiuntive

CITTA' DI PARTENZA

CASERTA NORD USCITA AUT ORE 06.15, NAPOLI VIA GALILLEO FERRARIS ORE 05.45, SALERNO PARCO PINOCCHIO ORE 05.00