San Francisco: Perché questa città è così tollerante?

SAN FRANCISCO: PERCHÉ QUESTA CITTÀ È COSÌ TOLLERANTE?

San Francisco ha da tempo una reputazione di accettazione di tutti i ceti sociali – ma in una città che si rivolge sempre più all’élite, può sopravvivere il suo atteggiamento progressista e aperto?

Vestito con un cappotto da ufficiale junior della Union Civil War con spalline e un cappello a cilindro in feltro viola che mostra una serie di lunghe piume in rosso, verde, giallo e blu, Joseph Amster guida un gruppo di otto – uomini, donne e adolescenti – attraverso Powell Strada vicino a Union Square di San Francisco.

La nostra copertura durante il coronavirus

Mentre il viaggio è in attesa a causa dell’epidemia di coronavirus, BBC Travel continuerà a informare e ispirare i nostri lettori che vogliono conoscere il mondo tanto quanto vogliono viaggiare lì, offrendo storie che celebrano le persone, i luoghi e le culture che lo rendono mondo così meravigliosamente vario e sorprendente.

Per informazioni sui viaggi e storie specificamente legate al coronavirus, leggi  gli ultimi aggiornamenti dei nostri colleghi su BBC News .

Con i suoi capelli grigi e la barba circolare,

Amster attira già l’attenzione per il suo aspetto unico, anche se è il modo sicuro in cui si pavoneggia – gonfiando il petto con il mento sollevato e agitando un bastone da passeggio come un manganello – che attira davvero gli spettatori .

Alcune persone sembrano affascinate dalla sua presenza; altri sembrano sconcertati. Ma sono i molti passanti che non danno nemmeno una seconda occhiata all’Amster che incapsulano veramente la reputazione riconosciuta della città per gli strani e assurdi.

Il centro culturale della California del Nord,

San Francisco, è sempre stato conosciuto come una città di non conformità. È un posto dove gli abitanti dipingono le loro case in stile vittoriano con tonalità pastello o l’intero spettro dell’arcobaleno; organizza la gara annuale Bay to Breakers di maggio vestita come fette di pancetta o unicorni o, a volte, completamente nuda; e sono altrettanto comodi da mangiare fuori in leggings e flanella come in stivali e maglioni alti fino alla coscia.

Le strisce pedonali arcobaleno del distretto di Castro sono emblematiche dell'atteggiamento tollerante della città (Credit: Credit: JasonDoiy / Getty Images)

Le strisce pedonali arcobaleno del distretto di Castro sono emblematiche dell’atteggiamento tollerante della città (Credit: JasonDoiy / Getty Images)

Ma negli ultimi decenni,

un diluvio di lavoratori della tecnologia attirati dalle promesse finanziarie della vicina Silicon Valley ha sfidato la natura spensierata di San Francisco, gonfiando gli affitti di San Francisco già stravaganti e i prezzi di tutti i giorni e spingendo i costi della vita al 25% in più rispetto a quelli nazionali nella media . Queste tasse elevate stanno scacciando molti degli artisti, scrittori e residenti di lunga data della città; mentre la carenza di alloggi è anche parzialmente responsabile del crescente numero di cittadini senzatetto, molti dei quali svolgono un lavoro regolare ma non riescono ancora a trovare un vantaggio in questa città che si rivolge sempre più all’élite. Con così tanta disparità, molti si chiedono se l’atteggiamento progressista e aperto di San Francisco possa sopravvivere.

Potresti anche essere interessato a:


1 )  Perché ai francesi piace dire di no
2 ) Il segreto della felicità danese?
3 )Perché San Francisco fa meglio la pasta madre

“San Francisco è stata una città di cambiamento sin dal primo giorno”, mi ha detto Amster, guida turistica e storico dilettante di San Francisco. “Sono sicuro che quando è avvenuta la corsa all’oro della California, tutte le persone che erano qui dall’inizio erano come: ‘Guarda tutte queste persone che arrivano e rovinano la nostra città. Non riusciamo più a trovare spazio per stare … i prezzi stanno salendo … “Dicono queste cose dal 1849.”

Amster ha ragione. Nel 1848, quando James W Marshall scoprì l’oro lungo quella che ora è la Highway 49 (circa 210 km in auto a nord-est di San Francisco), l’esplosiva popolazione della città esplose. Decine di migliaia di persone si sono riversate nella grande area della Baia di San Francisco da tutti gli Stati Uniti e all’estero solo nel primo anno, tutti in cerca di fortuna. Molti di loro erano amanti del rischio che lasciarono la loro vecchia vita per la promessa di qualcosa di meglio e la possibilità di reinventarsi in modi completamente nuovi.

San Francisco è sempre stata conosciuta come una città di non conformità (Credit: Credit: Bluejayphoto / Getty Images)

San Francisco è sempre stata conosciuta come una città di non conformità (Credit: Bluejayphoto / Getty Images)

San Francisco

divenne praticamente una città boom durante la notte – un luogo senza legge in cui sale da gioco e bordelli dilagavano e la popolazione maschile superava di gran lunga la femmina. Questa natura aspra e ribelle ha attirato un certo numero di anatre e rischiosi: quelli come lo scrittore e umorista Mark Twain; La ballerina “spagnola” di origine irlandese Lola Montez; e l’immigrato italiano Domenico Ghirardelli, un uomo d’affari pionieristico che ha fondato la Ghirardelli Chocolate Company della città . E il suo atteggiamento da “qualunque cosa va” è rimasto un biglietto da visita per la città per oltre 170 anni.

L’imperatore Norton era più grande della vita, oltre che un vero eccentrico

Dai bohémien di mentalità letteraria che si sono infiltrati nei jazz club e nelle caffetterie della città negli anni ’50 alla controcultura di Haight-Ashbury degli anni ’60 che ha contribuito alla nascita del movimento hippie e al movimento per i diritti degli gay degli anni ’70, un forte senso di mentalità liberale e il pensiero progressista è stato tessuto nel tessuto attuale di San Francisco. Ma c’è una figura nella storia di San Francisco che forse personifica la città e il suo ethos di tolleranza meglio di chiunque altro: Joshua Abraham Norton, l’autoproclamatosi “Norton I, Imperatore degli Stati Uniti” e, successivamente, “Protettore del Messico”.

“L’imperatore Norton

era più grande della vita, oltre che un vero eccentrico”, ha detto Amster. Dovrebbe sapere; ha guidato i fantastici tour della Time Machine di San Francisco dell’Imperatore Norton lungo le strade del centro della città – e più recentemente il suo lungomare Embarcadero – per quasi un decennio. Vestito proprio come faceva spesso l’imperatore nelle sue gite in città, Amster porta gli ospiti in un viaggio di circa tre ore a piedi attraverso la storia di San Francisco e la vita di Norton stesso. È senza dubbio interessante.

Il tour a piedi di tre ore di Joseph Amster porta gli ospiti nella storia di San Francisco (Credit: Credit: Laura Kiniry)

Il tour a piedi di tre ore di Joseph Amster porta gli ospiti nella storia di San Francisco (Credit: Laura Kiniry)

Joshua Abraham Norton,

nato in Gran Bretagna, arrivò per la prima volta a San Francisco negli anni ’50 del XIX secolo e si guadagnò rapidamente da vivere nei mercati delle materie prime e nel settore immobiliare. Tuttavia, presto perse tutto con un investimento sfortunato nel riso peruviano. In bancarotta e in rovina, Norton è scomparso per un paio d’anni, senza che nessuno sapesse dove si trovasse. Quindi, il 17 settembre 1859, riapparve (anche se una versione un po ‘più folle di se stesso), entrando negli uffici del quotidiano Daily Evening Bulletin di San Francisco e consegnando all’editore George Fitch un proclama che si dichiarava “Imperatore di questi Stati Uniti”, presso il ” richiesta e desiderio “, ha detto,” della stragrande maggioranza di questi Stati Uniti “. Fitch stampò l’annuncio sul giornale di quella sera e ben presto nacque una nuova leggenda di San Francisco.

Non conosco altre città così

“Per 21 anni, ho” governato “le strade di San Francisco”, racconta Amster ai suoi ospiti, esibendosi in carattere durante ogni tour. “I ristoranti mi davano sempre i posti migliori, cavalcavo il trasporto pubblico gratuitamente e la gente si alzava e si inchinava ogni volta che entravo in teatro, a cui frequentavo regolarmente.” Amster condivide quindi la storia di come l’imperatore stampò i propri buoni del tesoro, sostenuti da alcuna garanzia, quali bar e ristoranti in tutta la città accettavano regolarmente come corso legale; e spiega che fu lo stesso Norton a dichiarare per la prima volta chiunque “pronunciando l’abominevole parola” Frisco “come abbreviazione di San Francisco avrebbe dovuto affrontare una multa di £ 20.

Nel corso della passeggiata,

i partecipanti al tour iniziano a capire quanto fosse geniale l’imperatore e quanto amasse presto. Imparano che era una figura costante nella vita quotidiana della città: comparire in udienze pubbliche per discutere di uguaglianza; coinvolgere i residenti locali; e scrivendo continuamente proclami che all’epoca erano abbastanza progressisti, incluso difendere gli afro-americani e il loro diritto di viaggiare in tram e combattere la retorica anti-cinese.

L'annuale gara di maggio a Bay to Breakers include una lunga tradizione nel vestirsi (Credit: Credit: Michael Perry / Getty Images)

L’annuale gara di maggio a Bay to Breakers include una lunga tradizione nel vestirsi (Credit: Michael Perry / Getty Images)

Era molto onesto, disse Amster,

dicendoci che Norton, nato ebreo, partecipava alla congregazione ancora in funzione della città, Emanu-El, ogni sabato. “Ma poi andava in chiesa ogni domenica” aggiunse Amster, ridendo. “Non voleva che una religione diventasse gelosa dell’altra”. Con il suo atteggiamento imparziale, che includeva anche la sua difesa dei nativi americani e delle donne e una personalità che poteva facilmente essere definita idiosincratica e non convenzionale, l’imperatore Norton rappresentava ciò di cui San Francisco è sempre stato. “Che un uomo come lui possa venire qui”, ha detto Amster, “e reinventarsi, e tutti dicono,” OK. Se è quello che sei, allora è quello che sei ‘- non conosco nessun’altra città così. “

Queste qualità di tolleranza e accettazione

– insieme a una propensione a incoraggiare i suoi cittadini a percorrere le proprie strade. Sono cementate sia nei giorni di boom della città sia in figure leggendarie come l’Imperatore Norton, e rimangono alcune delle caratteristiche più straordinarie di San Francisco, nonostante demografia e politiche pubbliche sempre mutevoli della città.

Sono visibili nelle opere di organizzazioni locali come la SF Cacophony Society, un gruppo casuale di rinnegati responsabili di eventi come l’annuale Great Pillow Fight di San Valentino e l’originale Burning Man (l’ultimo festival dei freethinkers); in comunità di narratori come Muni Diaries , che condividono storie dal vivo e online di eventi casuali –

da atti di gentilezza ad attivismo – che si svolgono sul famigerato sistema di trasporto pubblico di San Francisco e richiamano centinaia di proposte; e in preziose personalità di San Francisco come Peaches Christ. Una drag queen locale i cui eventi di parodia dei film di culto come Femlins (Gremlins) e Drag Becomes Her (Death Becomes Her) sono tra i biglietti più interessanti della città.

San Francisco è oggi una delle città più costose degli Stati Uniti, con un numero crescente di cittadini senzatetto (Credit: Credit: Josh Edelson / Getty Images)

San Francisco

è oggi una delle città più costose degli Stati Uniti, con un numero crescente di cittadini senzatetto (Credit: Josh Edelson / Getty Images)

Per quanto riguarda l’imperatore Norton; come potrebbe quest’uomo che incarnava così progressivamente le caratteristiche progressiste della città vedere San Francisco. Con la sua imponente Torre Salesforce che domina lo skyline della città. Gli autobus per giganti della tecnologia come Google in coda alle fermate precedentemente utilizzati solo per il trasporto pubblico – in quanto è ora?

Ci sono molti di noi che fanno gli straordinari per mantenere vive queste tradizioni

“Penso che si sentirebbe misto”, ha detto Amster. “In fondo, ricorda, l’imperatore era un uomo d’affari. Probabilmente apprezzerebbe i bar di nicchia e la scena teatrale della città; insieme ai suoi successi finanziari, ma più di ogni altra cosa voleva che le cose fossero giuste e funzionassero senza intoppi. Credo che sarebbe molto indignato per il modo in cui quei meno fortunati vengono trattati in città al giorno d’oggi, ma conoscendo l’imperatore, probabilmente avrebbe trovato una soluzione. “

Per fortuna, ci sono molti residenti e organizzazioni di San Francisco che lavorano per affrontare tali problemi , oltre a continuare a trovare nuovi modi per incontrarsi in modo pacifico e aperto. Ciò potrebbe significare che un “fratello” di tecnologia e un addetto ai servizi igienico-sanitari seduti fianco a fianco sorseggiano lattine costose in un bar che vieta l’uso del laptop nei fine settimana per incoraggiare la comunicazione; oppure si mettono in fila uno accanto all’altro per il girarrosto in uno dei ristoranti gourmet fast-casual della città, un compromesso della cucina di fascia alta e prezzi (relativamente) convenienti che è anche una risposta all’aumento dei costi della città.

“Il cambiamento in città è inevitabile”, ha detto Amster, “ma può anche essere buono, purché non cancelliamo quelle cose che ci sono vicine e care dell’essere San Francisco: la mancanza di conformità; la diversità; lo spirito di reinvenzione. Ci sono molti di noi che fanno straordinari per mantenere vive queste tradizioni ”.

L'annuale San Valentino Great Pillow Fight mostra un altro lato non convenzionale della città (Credit: Credit: NurPhoto / Getty Images)

L’annuale San Valentino Great Pillow Fight mostra un altro lato non convenzionale della città (Credit: NurPhoto / Getty Images)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

× Come possiamo aiutarti?