RIAPRONO LE MALDIVE. ECCO LE COSE DA SAPERE

RIAPRONO LE MALDIVE.
ECCO LE COSE DA SAPERE
Visit Maldives ha confermato che inizierà la riapertura ai turisti il ​​15 luglio.
Per quella data i resort e gli hotel saranno di nuovo aperti, ma solo quelli su isole disabitate.
I visitatori internazionali non dovranno pagare tasse aggiuntive o produrre documenti che provano di essere risultati negativi per il coronavirus all’arrivo. I visitatori senza sintomi non dovranno inoltre mettersi in quarantena.
Le schede di dichiarazione sanitaria, che dovranno essere compilate, saranno fornite ai visitatori sui loro aeromobili e all’arrivo verrà fornito un visto turistico di 30 giorni.
Maschere, distanza sociale, screening termico e uso di disinfettante per le mani sono incoraggiati in aeroporto e in transito.

eografia fisica

Compongono l’arcipelago 1.192 isole coralline poggiate su basamenti di roccia calcarea e corallina, formatasi con evoluzioni periodiche e caratterizzata da molteplici strati di calcare e coralli formatesi con le numerose variazioni di livello delle acque[4] ad iniziare da circa 60 milioni di anni fa, a seguito dell’emersione d’imponenti montagne dal fondo dell’Oceano Indiano. Gli atolli dell’arcipelago maldiviano sono in effetti tra le tracce più evidenti dell’attività vulcanica del punto caldo di Riunione, un punto caldo attualmente situato sotto l’isola di Riunione, nell’arcipelago delle isole Mascarene.

Gli atolli naturali

sono 26, ognuno è formato da diverse centinaia di isole, di cui solo alcune abitate. Nell’intero arcipelago, le isole abitate sono circa 200, mentre poco più di 100 sono adibite a villaggi turistici; le rimanenti sono deserte e talvolta costituite solo da un banco di sabbia in emersione. L’isola più grande è Fua Mulaku, situata nell’atollo di Gnaviyani, nel sud dell’arcipelago.L’isola-resort di Bathala, ripresa da un pontile. A destra della spiaggia è chiaramente visibile la barriera corallina, in questo caso vicinissima alla battigia.

Le isole

sono situate sia all’interno degli atolli sia lungo la barriera oceanica che delimita l’atollo separandolo dalle profonde acque oceaniche e proteggendo le acque interne dalle mareggiate. Le barriere oceaniche sono interrotte da canali detti pass (kandu in dhivehi) che permettono il ricambio delle acque interne dell’atollo, determinando però forti correnti in entrata e in uscita, specialmente durante le maree. In aggiunta a ciò, quasi tutte le isole sono circondate da una propria barriera corallina che racchiude una laguna.

Le isole sono formate da una base di sabbia bianca risultante dall’erosione delle barriere coralline ad opera del mare, ma anche di alcune specie ittiche (come il pesce pappagallo o il pesce balestra titano) che mangiano il corallo per restituirlo sotto forma di sabbia insieme con le feci; l’elevazione massima è di 2 m s.l.m., non vi sono sorgenti d’acqua dolce e solo nelle isole di dimensioni maggiori è possibile scavare pozzi per raccogliere l’acqua filtrata dagli strati di sabbia. Nell’isola di Fua Mulaku si trovano laghi di acqua dolce.

RIAPRONO LE MALDIVE

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

× Come possiamo aiutarti?