SEI MAI STATA A MAIORI ( SALERNO ) ?

La città è situata a 5 m.s.l.m. lungo la Costiera Amalfitana, nel Golfo di Salerno, alla confluenza del torrente Reginna Major. Il territorio comunale, che ha una superficie di 16,67 km², è prevalentemente montuoso, comprende parte dei monti Lattari.

Maiori possiede la spiaggia più lunga dell’intera Costa d’Amalfi (quasi 1 km di piano dovuto all’alluvione del 1954), caratterizzata da una sabbia scura di origine vulcanica e una spiaggia minore (circa 200 m), nella frazione di Erchie[5] oltre a varie cale minori come la Spiaggia di Glauco, Capo d’Orso o Cala Bellavia. Nell’area comune sono presenti anche altri luoghi di interesse naturalistico come la Grotta di Pandora[6]

Secondo lo storico locale Filippo Cerasuoli, il nome originario di Maiori, come quello del corso d’acqua che attraversa la città stessa, è “Rheginna”, derivante dal nome del lucumone etrusco che la fondò[8]. Solo successivamente, durante il dominio romano, per un problema toponomastico di confusione con una più piccola e vicina cittadina dallo stesso nome, a “Rheginna” venne aggiunto l’appellativo di “Major” da cui, passando per Maiuri[9], deriverà l’attuale denominazione della città. All’altra cittadina invece venne aggiunto l’appellativo di “Minor”, da cui deriverà l’attuale denominazione di Minori[10][11]. Decisivo in questi secondi appellativi il rapporto stesso tra i due centri abitati, cui appunto uno maggiore ed uno minore, che ne assicurarono il nome[8].Corso Reginna

La leggenda principale, narrata dallo scrittore latino Plinio, vuole che la città di Maiori discenda dalla dea Maia, il quale nome, tradotto dal latino, assume il significato di “colei che porta crescita”[2] oppure “colei che è grande”[4][5], in correlazione al nome stesso della città. Altre leggende dicono che a Maiori i greci avessero dedicato un tempio alla dea BoxsturaI o che Ercole fosse arrivato fino al Falerzio: pare che nell’agro dove odiernamente trova spazio la frazione maiorese di Erchie si ergesse un tempio dedicato all’eroe[10].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *