ITALIA : UN PEZZO D’ITALIA PERSO IN SVIZZERA

I residenti di Campione d’Italia sono abituati al loro status bizzarro, che risale a più di un millennio fa. Tuttavia, il futuro di questo angolo italiano di Svizzera è in dubbio.

Passeggiando sul lungolago del Lago di Lugano, le palme fanno da cornice alla vista delle montagne innevate, offrendo un pizzico di macchia mediterranea al centro delle Alpi. La bellezza della zona ha così affascinato i viaggiatori dell’epoca vittoriana che hanno chiamato una sezione del lungomare “Paradiso”, la parola italiana per paradiso.

Ma nella piccola città di Campione d’Italia le cose non sono così paradisiache come sembrano.

La città,

avamposto dell’Italia interamente circondato dalla Svizzera, è stata oggetto di un riallineamento diplomatico sin dal primo dell’anno. La disoccupazione è in aumento e i servizi governativi di base sono stati interrotti, il tutto solo aggravato dalla pandemia di coronavirus.

“È come se amassi una donna che sta morendo. È lo stesso ”, ha detto Antonio Mariniello residente per tutta la vita, forse dimostrando il punto che l’anima del villaggio trabocca di passione italiana, non di tradizionale riserva svizzera.

Il villaggio di Campione d'Italia ha una posizione privilegiata sul Lago di Lugano (Credit: Credit: Fabrice Coffrini / Getty images)

Il villaggio di Campione d’Italia ha una posizione privilegiata sul Lago di Lugano (Credit: Fabrice Coffrini / Getty images)

La città è una rarità geografica nota come enclave – un territorio completamente circondato da un altro territorio. È anche un exclave, un termine strettamente correlato che descrive una porzione di un territorio separata dalla sua parte principale da un altro territorio. Mentre è a meno di un miglio di distanza dal confine italiano attraverso la collina boscosa sopra la città, è a 40 minuti di auto da Como, il centro governativo della regione italiana.

I residenti

sono abituati al loro status bizzarro, che risale a più di un millennio fa. In base a un accordo di lunga data tra i due paesi, hanno lavorato nel territorio doganale svizzero, hanno pagato le bollette con franchi svizzeri e sono stati serviti dalla polizia italiana che guidava auto con licenza svizzera. I servizi municipali, dalla raccolta dei rifiuti all’istruzione, erano forniti dalla Svizzera. La città di poco più di un miglio quadrato ha attirato turisti dalla città svizzera di Lugano sul lato opposto del lago, che sono stati attratti dal suo punto di riferimento più importante, il casinò più antico e più grande d’Europa, il Casino d’Campione.

Ma due anni fa,

la casa da gioco ha dichiarato bancarotta, licenziando quasi 500 dipendenti in una città di soli 2.000 residenti. Vetrine di negozi vuote ora fiancheggiano la sua strada principale e la città a corto di soldi ha chiuso l’asilo e ha interrotto i servizi cittadini. I pensionati videro il loro stipendio mensile ridotto, costringendo alcuni a rivolgersi a banche alimentari per la spesa.

Poi, il primo giorno del 2020, Campione è stato costretto a rientrare nell’economia italiana e quindi nell’UE, una mossa avviata quattro anni fa dai leader del governo a Roma. La mossa è stata definita ” Brexit al contrario “ (Brexit inversa) dal capo del comitato dei cittadini locali che si oppone al cambiamento.

Infine è arrivato il coronavirus,

che ha complicato ulteriormente la vita quotidiana. L’autobus comunale di Lugano, che circolava per la città più volte al giorno per servire pendolari, acquirenti e turisti, non può più entrare in Italia a causa delle rigide restrizioni di viaggio in quarantena. Quindi ora i residenti devono camminare fino al confine per prendere un passaggio.

Potresti anche essere interessato a:


1 ) La piccola stranezza geografica della Germania
2 )  La strana anomalia del confine dell’Europa
3 )  La piccola nazione di cui non hai mai sentito parlare

Nonostante tutte queste interruzioni, un fattore riduce al minimo la puntura. Il villaggio ha una posizione privilegiata sul lungolago nel mezzo di una regione famosa in tutto il mondo per la sua bellezza e il suo fascino. Bernard Fournier, uno chef proprietario di Da Candida , il ristorante stellato Michelin di Campione, ricorda la sua prima visita come se fosse in Costa Azzurra. “Mi ha ricordato Saint-Tropez.”

In effetti, i residenti dicono che c’è un’atmosfera diversa a Campione.

Frances Coates

“È il meglio di entrambi i mondi”, ha detto Frances Coates, che è cresciuta vicino a Manchester, in Inghilterra, ma si è trasferita qui con il marito italiano 20 anni fa. Ora vedova, l’ex insegnante lavora come operaio sanitario. Dice di amare la sua città natale adottiva, che bilancia l’ordine svizzero con la verve italiana. “Le persone sono un po ‘pettegole e si lamentano, ma con senso dell’umorismo. Prima di tutto c’è un certo cuore , il cuore italiano ”.

Il villaggio italiano di Campione d'Italia è interamente circondato dalla Svizzera (Credit: Credit: Larry Bleiberg)

Il villaggio italiano di Campione d’Italia è interamente circondato dalla Svizzera (Credit: Larry Bleiberg)

Ma l’adesione all’Unione Europea è stata dura per Campione, portando a una moltitudine di cambiamenti, molti imprevisti.Con l’accordo non finalizzato fino al 20 dicembre, la città non era pronta per i cambiamenti avvenuti il ​​1 ° gennaio.

I residenti hanno scoperto

di dover guidare per 20 miglia fino a Como per ritirare pacchi troppo grandi per essere lasciati dall’unico postino del villaggio. Poiché nessuno in città ha una licenza italiana per la vendita di tabacco, i fumatori hanno dovuto entrare in Svizzera per acquistare un pacchetto di sigarette. I proprietari di auto dovranno presto scambiare le loro targhe svizzere con etichette europee, e ora ci sono occasionali controlli doganali e di immigrazione alla frontiera, che erano stati in gran parte incustoditi per decenni.

Lo status insolito di Campione

risale al Medioevo. In origine colonizzata dagli antichi romani, la proprietà fu poi controllata da un signore che lasciò i suoi possedimenti all’arcivescovo di Milano nell’anno 777. Nel corso dei secoli divenne nota per i suoi abili muratori e artisti. Quando la zona circostante fu trasferita in Svizzera alla fine del XVIII secolo, la piccola Campione rimase uno stato pontificio e alla fine fu assorbita dall’Italia.

Le sue fortune cambiarono durante la prima guerra mondiale, quando l’Italia concesse una licenza per aprire il Casino d’Campione, sperando di poter raccogliere informazioni da diplomatici stranieri attirati ai suoi tavoli da baccarat. Chiuse dopo pochi anni, ma negli anni ’30 il dittatore italiano Benito Mussolini riaprì la casa da gioco municipale. Il ricavato sosterrebbe la città, che ha ribattezzato Campione d’Italia (Campione d’Italia) per rendere chiara la sua proprietà.

Campione d'Italia potrebbe ri-promuoversi come ritiro del benessere (Credit: Credit: Larry Bleiberg)

Campione d’Italia

potrebbe ri-promuoversi come ritiro del benessere (Credit: Larry Bleiberg)

Poiché era circondata dalla Svizzera neutrale, la posizione della città ha portato l’Ufficio dei servizi strategici degli Stati Uniti, il precursore della CIA, ad aprire un ufficio qui per monitorare le attività nell’Italia fascista. La città ha visto la sua parte di intrighi, inclusa la cattura di Cesare Rossi, uno dei rivali di Mussolini. Era fuggito in Svizzera ma fu attirato a Campione da un’amante che lavorava segretamente per Mussolini. Non appena la sua macchina ha attraversato il suolo italiano, è stato arrestato.

Per decenni dopo la guerra, la città prosperò grazie ai lavori del casinò e al flusso costante di denaro. È servito come un paradiso fiscale sotto il radar e rifugio per high-rollers e fuggitivi occasionali come il gallese Howard Marks , che era uno dei più grandi spacciatori di cannabis del mondo. Quando fu costretto a fuggire, nascose uno dei suoi passaporti in un giardino pubblico, dove ricordava sepolto fino a quando non fu ritrovato anni dopo da un turista tedesco che aveva visto un documentario televisivo su Marks.

A differenza di Lugano

relativamente tranquilla, Campione pulsava di vita notturna, con il casinò aperto fino alle 06:00 nei fine settimana.

“Potresti vedere le celebrità. I VIP da tutto il mondo sono venuti qui come a Monaco e Monte Carlo. Avevamo feste costanti.Non mi sono mai annoiata ”, racconta Valentina Valmaggia, i cui genitori erano proprietari di un bar in paese.

Nonostante l’attività, Campione ha mantenuto un’atmosfera amichevole e di piccola città. “Tutti conoscono tutti qui”, ha detto la madre di tre figli. È andata al college a Ginevra, ma ha scelto di tornare per crescere la sua famiglia. È un posto sicuro e immagino ancora il futuro [economico] dei miei figli in Svizzera “.

Casino d'Campione è stato il punto di riferimento più importante di Campione d'Italia (Credit: Credit: AFP Contributor / Getty Images)

ITALIA – Casino d’Campione

è stato il punto di riferimento più importante di Campione d’Italia (Credit: AFP Contributor / Getty Images)

Nel 2007, la città ha sostituito l’edificio del casinò con un nuovo imponente edificio a blocchi gialli di 10 piani progettato dal famoso architetto svizzero Mario Botta. Ma il tempismo è stato terribile. Il debutto della proprietà da 160 milioni di dollari è coinciso con l’ascesa del gioco d’azzardo online, un calo del valore dell’euro e la crisi finanziaria del 2008. Non ha mai prosperato.

Quando il casinò ha chiuso improvvisamente nel luglio 2018, Fournier, lo chef stellato Michelin, non è rimasto sorpreso. Ha detto che la città è diventata troppo dipendente da ciò che una volta era stato denaro facile ed era stata riluttante a diversificare. “Se mangi troppo caviale, ti ammalerai”, ha detto.

La notte in cui il casinò ha chiuso,

ha aperto due bottiglie di champagne Dom Perignon, non per festeggiare, ha detto, ma per brindare al nuovo inizio della città. E mentre molti residenti sperano ancora che la casa da gioco riaprirà, Fournier crede che sia ora di andare avanti. “Le persone devono cambiare la loro mentalità. È finito, il casinò. “

Vede il futuro della città come una fuga tranquilla dalla frenetica Lugano, un’area metropolitana con oltre 150.000 residenti. La città, osserva, abbellita da splendide viste sul lago e affascinanti strade tortuose, potrebbe promuoversi come un rifugio di benessere.

Campione d'Italia offre un pizzico del Mediterraneo nel mezzo delle Alpi (Credit: Credit: AFP Contributor / Getty Images)

Campione d’Italia

offre un pizzico del Mediterraneo nel mezzo delle Alpi (Credit: AFP Contributor / Getty Images)

Mentre alcuni non sono d’accordo, molti cittadini erano uniti contro il ritorno all’economia italiana. L’anno scorso più di tre quarti dei residenti hanno firmato una petizione formale al Parlamento europeo per rimanere nel territorio doganale svizzero.

Ma la loro richiesta è stata ignorata. E ora, anche mesi dopo il passaggio, Mariniello, il residente che ha paragonato Campione a una donna morente, dice che i suoi vicini hanno ancora molte domande sul cambiamento. Ma le risposte tardano ad arrivare.

“Roma”, ha detto, “è lontana da qui”.

Places That Don’t Belong 

è una serie di viaggi della BBC che approfondisce il lato giocoso della geografia, portandoti attraverso la storia e l’identità delle anomalie geo-politiche e dei luoghi lungo il percorso.

Unisciti a più di tre milioni di fan di BBC Travel mettendoci Mi piace su Facebook o seguici su Twitter Instagram .

ITALIA

ITALIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

× Come possiamo aiutarti?