BUS Concerto Tiziano Ferro Napoli 24 Giugno 2020

7,0010,00

Svuota
    • 0.5 €
    • 3.5 €
    • 5 €
    • 5 €
COD: N/A Categoria:

Descrizione

BUS Concerto Tiziano Ferro Napoli 24 Giugno 2020

BUS Concerto Tiziano FERRO Napoli 24 Giugno 2020

Partenza in Bus da:

  • BATTIPAGLIA – USCITA AUTOSTRADALE
  • SALERNO – PARCO PINOCCHIO
  • CAVA – USCITA AUTOSTRADALE
  • NOCERA – USCITA AUTOSTRADALE
  • ANGRI – USCITA AUTOSTRADALE
  • SCAFATI – USCITA AUTOSTRADALE
  • C/MARE – USCITA AUTOSTRADALE
  • TORRE ANNUNZIATA NORD – USCITA AUTOSTRADALE
  • NAPOLI – VIA GALILEO FERRARIS

 

BUS A/R DA € 10 IN OFFERTA
SOLO RITORNO DA 7€ IN OFFERTA

PER INFO 081947468
WWW.GITEMANIA.COM

A quale andrete?😇
I biglietti escono il 14 giugno in esclusiva presale per i clienti di intesa Sanpaolo
Il 17 giugno partirà la vendita generale

 

Primi anni (1980-2000)

La sua famiglia, proveniente dal paese di Cavarzere, in Veneto.  E’ composta dalla madre Juliana, casalinga, dal padre Sergio, geometra, e dal fratello Flavio, di 11 anni più piccolo. All’età di cinque anni ricevette come regalo di Natale la sua prima tastiera Bontempi: è il primo incontro con la musica. Cominciò fin da piccolissimo a scrivere i primi brani, componendo le varie basi con mezzi molto semplici e incidendo mediante un registratore. Il cielo e Gli occhi, vennero successivamente inseriti come tracce fantasma nel terzo album in studio Nessuno è solo (2006).

Ferro attraversò un’adolescenza difficile: a causa della sua timidezza.  Viene spesso emarginato dai compagni di classe, soffre inoltre di bulimia con conseguente sovrappeso (arriverà a pesare centoundici chili). Trovò uno sfogo nella musica e cominciò a partecipare a corsi privati di chitarra classica (sette anni), canto, pianoforte (due anni) e batteria (un anno).

Nel 1994 ebbe una piccola esperienza di doppiaggio, prestando la voce al personaggio di Jan nella prima edizione dell’anime Il mio amico Patrasche, e due anni più tardi entrò a far parte del Coro Gospel di Latina Big Soul Mama Gospel Choir, dove si appassionò alle atmosfere e ai ritmi della musica nera statunitense. Successivamente partecipò a un corso a distanza per doppiatore cinematografico, cominciando a collaborare come speaker per alcune radio locali della sua città, oltre che per Radio Luna.  Fece inoltre esperienze di pianobar in vari locali con il proprio gruppo rap Q4, proponendo reinterpretazioni di black music e musica rap, e con le gare amatoriali di karaoke.

Quando ritornerai

Nel 1997 si iscrisse all’Accademia della Canzone di Sanremo con il brano Quando ritornerai (ritenuto il primo brano ufficialmente composto dal cantautore), intenzionato a partecipare al successivo Festival di Sanremo, ma venne scartato alle prime selezioni. Nel 1998 partecipò come concorrente al programma televisivo Caccia alla frase in onda su Italia 1, dove il conduttore Peppe Quintale gli permise di esibirsi per qualche secondo.

Nello stesso anno partecipò nuovamente all’Accademia della Canzone di Sanremo, ancora una volta con il brano Quando ritornerai, entrando fra i 12 finalisti ma senza aggiudicarsi uno dei tre posti che garantivano l’ammissione all’edizione seguente della manifestazione. In quel periodo ottenne 55/60 all’esame di maturità del Liceo scientifico Ettore Majorana di Latina; venne pubblicato l’album Anima e corpo del gruppo rap ATPC, contenente il singolo Sulla mia pelle realizzato con lo stesso Ferro. Una versione registrata dal solo Ferro sarebbe stata successivamente inclusa nella raccolta TZN – The Best of Tiziano Ferro del 2014.

Tra marzo e maggio 1999

partecipò alla tournée del gruppo rap Sottotono come corista. Il suo futuro da cantante rimase tuttavia incerto, pertanto Ferro decise d’iscriversi alla facoltà d’ingegneria dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, passando successivamente a scienze della comunicazione.

Nel 2000 scrisse il testo di Angelo mio, adattamento italiano del brano Angel of Mine della cantante Monica (cover di un brano originariamente composto dal gruppo femminile Eternal). Anche questo brano sarebbe stato inserito successivamente nella raccolta TZN – The Best of Tiziano Ferro.

Rosso relativo (2001-2002)

Tiziano Ferro nel 2006 a Roma durante le riprese del videoclip di Ti scatterò una foto

Nel 2001, dopo alcuni rifiuti da parte delle etichette discografiche, i produttori Alberto Salerno e Mara Maionchi, conosciuti durante la sua seconda partecipazione all’Accademia della Canzone di Sanremo, convinsero la EMI a puntare su Ferro. Sulle composizioni di quest’ultimo si alternarono vari arrangiatori, finché Michele Canova Iorfida riuscì a tradurle nel sound desiderato.

Xdono

Il 22 giugno 2001 Ferro esordì con il primo singolo Xdono, che raggiunse i vertici delle classifiche europee e che anticipò il primo album in studio Rosso relativo, uscito il 26 ottobre dello stesso anno e promosso dai singoli L’olimpiade (26 ottobre), Imbranato (18 gennaio 2002), Rosso relativo (7 giugno) e Le cose che non dici (4 febbraio 2003). Malgrado buona parte della critica avesse stroncato l’artista pontino come l’ennesimo bluff delle etichette discografiche per «catturare le ragazzine», il pubblico dimostrò di riuscire a comprendere la novità introdotta dal cantautore, che unì le sonorità R&B e pop della musica d’oltreoceano con testi particolari e carichi di significati profondi.

Il successo di Xdono portò l’artista a incidere il brano anche in inglese, spagnolo (Perdona), portoghese (Perdoa) e in versione franco-italiana. Il 15 dicembre partecipò al Concerto di Natale in Vaticano, durante il quale eseguì Soul-dier insieme a un coro gospel di New York e una reinterpretazione del brano di John Lennon Happy Xmas (War Is Over) in duetto con Elisa.

Tra gennaio 2002 e marzo 2003 Ferro intraprese il Rosso relativo Tour 2002/03, composto da 70 date tenute in Europa.  Nell’estate del 2002 prese parte al Festivalbar con il singolo Rosso relativo, mentre il 4 marzo 2003 venne pubblicata l’edizione in lingua spagnola dell’album, dal titolo Rojo relativo. Sempre nel 2003, la versione spagnola di ImbranatoAlucinado, fu scelta come colonna sonora della telenovela brasiliana Mulheres apaixonadas, mentre il brano Boom Boom venne utilizzato nella serie televisiva italiana Un papà quasi perfetto.

https://www.shopgitemania.it/prodotto/bus-concerto-tiziano-ferro-napoli-24-giugno-2020/

 

Informazioni aggiuntive

CITTA' DI PARTENZA

C/MARE USCITA A3 CITTA' ORO 15:45, ANGRI ORE 15:15, BATTIPAGLIA 14.30, NAPOLI ORE 16.00, Nocera 15:00, SALERNO ORE 15:00, SCAFATI ORE 15.30, TORRE ANNUNZ. NORD 15:15

IL TUO ACQUISTO

BUS ANDATA E RITORNO, BUS SOLO RITORNO