Carnevale Di Putignano Domenica 23 Febbraio 2020

Categorie: ,

Descrizione

Carnevale Di Putignano Domenica 23 Febbraio 2020

TUTTI A VEDERE QUESTI MERAVIGLIOSI CARRI PARTENZA ORE 5 DEL MATTINO BUS + COLAZIONE.

05.00: Partenza da NAPOLI e, successivamente,dalle diverse città della provincia ove ci saranno prenotazioni.
10.00: Arrivo a PUTIGNANO
11.00: Il Carnevale di PUTIGNANO. Sfilata Carri Allegorici.
16.00 Inizio del rientro, con arrivo previsto a Salerno e provincia alle ore 21.30

La quota di partecipazione euro 30

comprende : BUS + COLAZIONE

Sono escluse dalla quota di partecipazione ed eventuali biglietti per la visita di mostre, musei o manifestazioni carnevalesche a pagamento. Documento essenziale per la partecipazione al viaggio è la carta di identità non scaduta.
per info e prenotazione tel 081947468
www.gitemania.com

Risultati immagini per CARNEVALE putignano

STORIA

Putignano avrebbe tratto origine da un antico centro peuceta. Lo testimoniano numerosi reperti archeologici come vasi, monete, armi, rinvenuti in antiche sepolture. È ipotizzabile, in mancanza di ulteriori evidenze, che abbia prosperato durante l’età della Magna Grecia, fino a diventare, successivamente, un municipium romano. Il centro andò decadendo nel corso dei secoli.
Attorno all’anno 1000 il territorio di Putignano divenne proprietà dei monaci benedettini, che risiedevano nell’Abbazia di Santo Stefano di Monopoli. Da allora cominciarono a vivere nel territorio di Putignano piccole famiglie di contadini al servizio dei Benedettini. Con il passare degli anni la popolazione andò progressivamente aumentando, sicché nacque un piccolo centro agricolo, che si sviluppò nel corso dei secoli.

Federico II di Svevia

Alla dominazione benedettina risalgono alcune vicende che riguardano Federico II di Svevia. Egli amava compiere battute di caccia nei territori baresi, infatti aveva anche una residenza a Gioia del Colle. A lui era cara anche Putignano, tanto che vi fece costruire un castello immediatamente fuori al centro abitato. Accingendosi ad entrare in città, i putignanesi gli negarono l’accesso, dietro consiglio dei Benedettini, parteggianti per il Papa che aveva scomunicato l’imperatore. Da allora in poi il suo amore per la città divenne odio per l’infedeltà subita, facendo distruggere il castello, di cui oggi non resta neanche traccia e rovinando fortemente la cinta muraria.

Al furore di Federico II si aggiunsero le lotte del vescovo di Conversano per ottenere la giurisdizione spirituale sul territorio. Tuttavia, per un lungo periodo di tempo, Putignano ha goduto (come è accaduto per la vicina città di Rutigliano) dello status di ecclesia nullius diocesis, ovvero non apparteneva a nessuna diocesi ed era sotto la diretta dipendenza della Santa Sede.

Nel 1317, per via di alcune discordie tra i monaci benedettini, consegnò Putignano nelle mani dell’ordine dei Cavalieri Gerosolimitani. Il feudo fu dichiarato baliaggio e chi ne otteneva l’investitura era chiamato Balì ed aveva il potere temporale e spirituale.

Proprio in questo periodo la costiera adriatica fu vittima delle scorrerie dei turchi. Per questo motivo si decise di trasferire un’icona bizantina con l’effigie della Vergine e delle reliquie di Santo Stefano dall’Abbazia di Santo Stefano in Monopoli in territori più sicuri. Fu scelta Putignano, dove venne costruita un chiesa per la conservazione di questi oggetti. Si narra, inoltre, che proprio in occasione della processione per il trasferimento delle reliquie ebbero origine i festeggiamenti delle Propaggini, manifestazione di apertura del Carnevale di Putignano.